Berlinguer a scuola a Brescia

È iniziata questa mattina, giovedì 27 aprile, la visita dell’onorevole Luigi Berlinguer ad alcune scuole cattoliche e statali di Brescia

L’ex ministro del Miur, oggi presidente della commissione per la diffusione della pratica e cultura musicale in Italia, ha incontrato per primi gli alunni dell’Istituto Canossiano di Brescia.

Occorre sempre una scelta. E cos’è una scelta? Dire che certe idee si generano e maturano per confrontarsi con l’esistente: idee scientifiche, divinazioni poetiche, intuizioni di grandi menti. Ipotesi  – ha raccontato in uno degli incontri l’onorevelo Berlinguer – per creare qualcosa di nuovo. Solo dopo, queste camminano in mezzo ai più, attraverso sollecitazioni, propaganda. Ma all’inizio serve una scintilla. Dire che quattro gatti cantano e dicono qualcosa, ma tanto non cambia nulla è una balla colossale. La storia è la prova che ci sono periodi in cui le cose cambiano!”

Continuerà con gli studenti della scuola Santa Maria della neve di Adro, scuola ad indirizzo musicale, visiterà l’Hdemia S. Giulia.

L’intervento dell’Onorevole Berlinguer ad Adro

Orchestra d'archi liceo Gambara
Orchestra d’archi liceo Gambara

La visita bresciana si è conclusa in serata con un concerto organizzato dagli studenti del Liceo musicale Gambara. Qui il Dirigente scolastico Spinelli ha ricordato, presentando l’orchestra d’archi, che la commissione nazionale per  la promozione dell’apprendimento della musica ha un padre proprio in Luigi Berlinguer.

La Full immersion nella scuola bresciana e l’incontro con i giovani studenti diviene l’occasione per approfondire alcune tematiche importanti.

I saluti finali

Continue reading “Berlinguer a scuola a Brescia”

Una firma di responsabilità

Giocare bene il 5×100

Sono stati pubblicati i dati sul 5X1000 relativi al 2015. Le donazioni fatte dagli italiani vanno in una direzione abbastanza chiara per quanto riguarda le preferenze. Nei primi posti appare evidente l’attenzione degli italiani a realtà legate alle cure dalla malattia e della ricerca in questa direzione. Eccettuano tra queste, in qualche modo, nomi noti: Unicef, Medici senza frontiere e Emergency.

Nell’informativa sono reperibili persino le cifre, e non sono cifre da poco. E il punto è proprio questo, quando si deve decidere per la nuova dichiarazione dei redditi.

Il mondo delle associazioni, del volontariato, della ricerca, dell’altruismo, della dignità sociale e civile, dei progetti senza scopo di lucro vive grazie anche a questo meccanismo. Continue reading “Una firma di responsabilità”

All’origine dell’arte a Ravenna

Si rinnova la proposta di viaggio che Fondazione Comunità e Scuola con l’Ufficio per l’Educazione, la Scuola e l’Università da diversi anni organizzano.

La meta per il 13 e il 14 maggio 2017 è Ravenna.
108 posti disponibili, 130 euro il costo.

Dopo Roma, Firenze e Torino quest’anno il viaggio si prefigge di scoprire le origini dell’arte cristiana nel crogiolo del dibattito cristologico tra Oriente e Occidente.

Ravenna, i suoi mosaici e la sua storia sono incrocio di arte e fede tra Occidente e Oriente. Un viaggio che vuole essere momento di spiritualità, fraternità e approfondimento culturale per insegnanti, genitori, associazioni e studenti.

Info, programma e iscrizioni

 

Se tu conoscessi il dono di Dio…

La scuola si prepara alla Pasqua

Lunedì 10 aprile l’Ufficio per l’Educazione, la Scuola e l’Università della Diocesi di Brescia e la Fondazione Comunità e Scuola, invitano il modo della scuola e dell’università bresciana  a partecipare ad un incontro di riflessione in preparazione alla S. Pasqua.

Dalle 17 alle 19, nella Chiesa dei Santi Nazario e Celso (corso Matteotti, Brescia), che sarà presentata e svelata anche artisticamente, ci sarà la possibilità di confessarsi, pregare e riflettere.

Qui il programma

Archivio diocesano e Liceo Arnaldo insieme

L’occasione della collaborazione è data dal Progetto di Alternanza Scuola/Lavoro.

“Il progetto di alternanza scuola/lavoro con il Liceo classico ‘Arnaldo’ -scrivono dall’Archivio diocesano – nasce dalla riflessione che solamente facendo conoscere i contenuti della nostra documentazione e sensibilizzando le nuove generazioni alla tradizione della memoria, potrà essere garantita la sopravvivenza degli archivi e il loro valore come beni della collettività”.

Ecco allora che la proposta nazionale legata alla Buona scuola diviene l’occasione per far conoscere un bene culturale, meno visibile di un museo o di una biblioteca, ma “il suo approccio può consentire una maturazione nello spirito critico, nella comprensione di come la storia si vada formando, fornendo anche stimoli culturali e ipotesi per professioni future“.

Sono stati 27 gli alunni del Liceo classico Arnaldo coinvolti, organizzati in due turni, quasi esclusivamente di mattina dal lunedì al giovedì per quattro settimane tra novembre e dicembre e poi gennaio, di cui: 59 ore in Archivio e 31 a casa e/o scuola per la redazione dell’elaborato, per un totale di n. 90 ore complessive. Nelle ore in loco sono sempre stati tutorati dal personale dell’Archivio diocesano.

Gli studenti si sono misurati con il riordino e l’inventariazione di una serie documentaria, i “Duplicati anagrafici del periodo lombardo-veneto”: fascicoli con la registrazione di nati, matrimoni e morti che i parroci redigevano su incarico dell’amministrazione austriaca. Sono una fonte molto preziosa non solo per la storia religiosa, ma anche per la storia demografica, sociale e culturale del territorio (fino al 1865 unica fonte anagrafica esistente). Continue reading “Archivio diocesano e Liceo Arnaldo insieme”